Giurie

Giuria letteraria del Premio Chiara 2017

 

  • Romano OldriniRomano Oldrini (presidente)

     

     
    Medico con seconda laurea in Lettere. Già sindaco di Gavirate (VA) e presidente della Compagnia degli Artisti di Varese, dal 2005 presiede l’Associazione Amici di Piero Chiara. Ha pubblicato diversi volumi di poesia e saggi.

  •  

  • Vittorio ColomboVittorio Colombo

     

     
    Responsabile dell’edizione di Lecco del quotidiano La Provincia. Giornalista dal 1985, affianca al lavoro per la carta stampata l’attività di documentarista e ha realizzato numerosi reportage per la tivù dal Medio Oriente e dall’America Latina. Dalla fine degli anni Novanta è tra i giornalisti musicali che votano per l’assegnazione delle Targhe Tenco.

  •  

  • Luca CroviLuca Crovi

     

     
    Nato nel 1968, critico rock, conduttore radiofonico, ha scritto per Il Giornale, Max, Italia Oggi e collabora con la rivista Suono. Dal 1991 è redattore presso la Sergio Bonelli Editore, dove si occupa della collana Almanacchi. Un suo racconto è stato pubblicato nell’antologia Misteri (1992, Camunia). Ha pubblicato per Puntozero il saggio Delitti di carta nostra (Premio Aquicon 2001) e curato l’antologia del brivido L’assassino è il chitarrista assieme a Franz Campi. Nel 2002 ha pubblicato la monografia sul thriller italiano Tutti i colori del giallo e il saggio Mr Fantasy – Il mondo segreto di Tolkien. Nel 2013 ha pubblicato Noir. Istruzioni per l’uso e ha curato, assieme a Claudio Gallo, l’antologia salgariana Cuore di Tigre (Piemme).

  •  

  • Robertino GhiringhelliRobertino Ghiringhelli

     

     
    Direttore dell’Istituto di Storia moderna e contemporanea e Ordinario di Storia delle Dottrine Politiche nella facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 è Visiting Professor di storia della Cultura e delle istituzioni europee all’Università Federale di Lugano (USI). Fra le sue opere più recenti vi sono la curatela di Il cattolicesimo lombardo tra Rivoluzione Francese, Impero e Unità (Pescara, 2006) e L’altro Piemonte e l’Italia nell’età di Urbano Rattazzi (Milano, 2010).

  •  

  • Maurizio LucchiMaurizio Lucchi

     

     
    Classe 1957, durante gli studi universitari inizia il suo percorso professionale nella redazione de La Prealpina, diventando dapprima giornalista pubblicista e poi (nel 1988) giornalista professionista. Ha lavorato per un trentennio alla redazione dell’Ansa di Milano (fino ad acquisire la qualifica di caporedattore), nonché come corrispondente da Varese del quotidiano Il Giorno e capo ufficio stampa di importanti pubbliche amministrazioni del territorio (Provincia e Comune di Varese). Ha inoltre collaborato con Radio Varese e Epoca. Da settembre 2016 è il ventitreesimo direttore de La Prealpina.

  •  

  • Luigi MascheroniLuigi Mascheroni

       

     
    Lavora a Il Giornale dal 2001: in passato ha scritto per le pagine culturali dei quotidiani Il Sole 24 Ore ed Il Foglio. Ha una cattedra di Teoria e tecniche dell’informazione culturale all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Nel 2010 ha pubblicato il pamphlet Manuale della cultura italiana (Excelsior 1881), un dizionario satirico sui salotti intellettuali. Nel 2012 ha aperto su ilGiornale.it il primo blog in Italia dedicato alle video-recensioni di libri.

  •  

  • Mauro NovelliMauro Novelli

     

     
    Insegna Letteratura italiana contemporanea presso l’Università degli Studi di Milano. È autore di volumi e studi di ambito otto-novecentesco. Per i Meridiani Mondadori ha curato le Opere di Piero Chiara. È vicepresidente del Centro Nazionale Studi Manzoniani. Ha scritto per vari periodici, tra cui Linea d’ombra, Tirature, Wuz, Diario, Letture, Saturno.

  •  

  • Ermanno PaccagniniErmanno Paccagnini

     

     
    Insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Brillante critico letterario, ha scritto per i quotidiani Il Sole 24 Ore e sul Corriere della Sera

  •  

  • Luca SaltiniLuca Saltini

     

     
    Dopo la laurea in filosofia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha conseguito il Dottorato di ricerca in Lettere presso l’Università di Ginevra. Ha compiuto attività di ricerca pubblicando saggi storici e di critica in rivista e volume. Collabora con diversi periodici svizzeri e italiani con articoli di carattere culturale e testi di narrativa. Attualmente è collaboratore scientifico della Biblioteca cantonale di Lugano. Tra le sue pubblicazioni, il volume Il viaggiatore della parola. G.B. Angioletti (1896-1961) (Locarno 2007) è stato insignito del premio letterario internazionale Cesare Angelini. Si interessa di narrativa per l’infanzia e ha pubblicato in rivista e volume oltre 200 racconti e un romanzo.

  •  

  • Stefano VassereStefano Vassere

      

     
    Nato a Viganello nel 1962. Dopo il diploma di liceo a Lugano, trascorre dieci anni all’Università di Zurigo, ove consegue la licenza e il dottorato in linguistica generale. Dopo un periodo di assistenza nel medesimo ateneo, assume la direzione della redazione del Repertorio toponomastico ticinese (progetto di catalogazione e valorizzazione del patrimonio dei nomi di luogo del Cantone Ticino), che mantiene fino al 2012. Dal 1997 insegna linguistica generale all’Università degli Studi di Milano, dapprima nella Facoltà di Lettere e Filosofia, poi nella Facoltà di Medicina e Chirurgia. Già direttore delle biblioteche cantonali di Bellinzona e Locarno, nel 2016 assume la conduzione anche di quelle di Lugano e Mendrisio, unitamente alla dirigenza del Sistema bibliotecario ticinese.

  •  

  • Andrea VitaliAndrea Vitali

     

     
    Nato nel 1956 a Bellano (LC), vi ha esercitato la professione di medico di base. Ha pubblicato tra gli altri Il meccanico Landru (1992), L’ombra di Marinetti (vincitore del Premio Chiara 1995), Aria del lago (2001) e, con Garzanti, Una finestra vistalago (2003, Premio Grinzane Cavour 2004 e premio Bruno Gioffrè 2004), Un amore di zitella (2004), La signorina Tecla Manzi (2004, Premio Dessì), La figlia del podestà (2005, Premio Bancarella 2006), Il procuratore (2006, Premio Montblanc), Olive comprese (2006), Dopo la lunga e penosa malattia (2008), Pianoforte vendesi (2009), La mamma del sole (2010), Tutti i santi (con Giancarlo Vitali, 2011), La leggenda del morto contento (2011), Zia Antonia sapeva di menta (2011), Galeotto fu il collier (2012), Le tre minestre (2013), Un bel sogno d’amore (2013). Con Rizzoli pubblica Premiata Ditta Sorelle Ficcadenti (2014), poi torna a Garzanti con Quattro sberle benedette (2014).

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
MENU PRINCIPALE
×