Evento

🏆 Manifestazione Finale del Premio Chiara 2020
18
Ott
2020

🏆 Manifestazione Finale del Premio Chiara 2020

  • Indirizzo:Piazza Litta, 2
  • Luogo:Centro Congressi Ville Ponti - Sala Napoleonica, Varese
  • Orario:Dalle 17:00
L’evento è realizzato in osservanza delle disposizioni di sicurezza sanitaria. Obbligo di prenotare gratuitamente il proprio posto tramite l’apposito pulsante qui sopra.

 

Programma

Nella prestigiosa cornice della Sala Napoleonica delle Ville Ponti di Biumo Superiore (Varese), l’edizione 2020 del Premio Chiara giunge al suo atto conclusivo, la Manifestazione Finale.

L’evento è scandito dallo spoglio delle schede di voto, condotto in diretta dal notaio, a seguito del quale verrà proclamato il vincitore della XXXII edizione del Premio Chiara.

Intervengono i finalisti Maria Attanasio, Ermanno Cavazzoni, Valerio Magrelli, che saranno intervistati dalla vincitrice uscente Marta Morazzoni.

La manifestazione prevede anche i seguenti momenti:

  • Finale del Premio Chiara Giovani, con annuncio del vincitore e dei premiati
  • Presentazione di Gianni Gandini, vincitore del Premio Chiara Inediti con Preludi in fuga, come sempre edito da Pietro Macchione Editore.

Conduce Claudia Donadoni.
 

Protagonisti

Maria Attanasio
Maria Attanasio, Caltagirone, 1943, collabora a riviste e giornali. Ha scritto poesie (Interni, 1979; Nero barocco nero, 1985; Eros e mente, 1996; Amnesia del movimento delle nuvole, 2003) e saggi. Con Sellerio ha pubblicato Correva l’anno 1698 e nella città avvenne il fatto memorabile (1994), Piccole cronache di un secolo (1997, con Domenico Amoroso), Di Concetta e le sue donne (1999) Il falsario di Caltagirone (2007), Il condominio di Via della Notte (2013), La ragazza di Marsiglia (2018) e Lo splendore del niente e altre storie (2020), con cui compete al XXXII Premio Chiara

 
Ermanno Cavazzoni
Ermanno Cavazzoni, Nato a Reggio Emilia, vive a Bologna. È autore di vari libri di narrativa: Le tentazioni di Girolamo (1991), I sette cuori (1992), Le leggende dei santi (1993), Vite brevi di idioti (1994), Cirenaica (1999, riedito come La valle dei ladri, 2014), Gli scrittori inutili (2002), Storia naturale dei giganti (2007), Il limbo delle fantasticazioni (2009), Guida agli animali fantastici (2011), Il pensatore solitario (2015), Gli eremiti del deserto (2016). Per La nave di Teseo ha pubblicato La galassia dei dementi (2018), vincitore del Premio Campiello – selezione Giuria dei Letterati, e Storie vere e verissime (2019), con cui compete al XXXII Premio Chiara. È stato, con Gianni Celati e altri, ideatore e curatore della rivista “Il semplice”.

 
Valerio Magrelli
Valerio Magrelli, Roma, 1957. Ha pubblicato sei libri di poesie (raccolti nel volume Le cavie, Einaudi 2018), il pamphlet in versi Il commissario Magrelli (Einaudi 2018), e un ciclo di quattro volumi in prosa (concluso con Geologia di un padre, Einaudi 2013). Professore ordinario di letteratura francese all’Università Roma Tre, ha diretto la serie trilingue “Scrittori tradotti da scrittori” di Einaudi (Premio Nazionale per la Traduzione 1996). Nel 2002 l’Accademia Nazionale dei Lincei gli ha attribuito il Premio Feltrinelli per la poesia italiana. Con Sopruso: istruzioni per l’uso, edito da Einaudi, compete al XXXII Premio Chiara.

 

 
Gianni Gandini
Gianni Gandini, Musicista e compositore. In campo letterario ha pubblicato romanzi, narrativa per l’infanzia, testi per il teatro. Ha realizzato progetti discografici e cinematografici a tematica sociale, che hanno visto la partecipazione di numerosi artisti. Per la Fondazione Don Carlo Gnocchi si occupa di musicoterapia e terapia vibroacustica ed è nel direttivo del Festival del Cinema Nuovo, festival internazionale dedicato alla disabilità. Collabora come docente presso la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova. Con Preludi in fuga vince il Premio Chiara Inediti 2020 e si aggiudica la pubblicazione con Pietro Macchione Editore.

 

 
Marta Morazzoni
Marta Morazzoni, Nata a Milano, ha insegnato lettere in una scuola superiore. Laureata in filosofia con Remo Cantoni alla Statale di Milano, ha tenuto rubriche di critica teatrale su riviste specializzate. Il suo primo libro, i racconti de La ragazza col turbante (1986), ha ottenuto uno straordinario successo critico sia in Italia sia all’estero, dove è stato tradotto in nove lingue. Analogo consenso hanno ricevuto anche i tre volumi successivi: L’invenzione della verità (1988, premio Campiello), Casa materna (1992, premio selezione Campiello) e L’estuario (1996). Ha pubblicato poi Il caso Courrier, Una lezione di stile e Un incontro inatteso per il consigliere Goethe, Trentasette libri e un cane, Lezioni svizzere. Nel 2014 per Guanda esce il libro-inchiesta Il fuoco di Jeanne, sulla storia di Giovanna d’Arco. Nel 2018 è stata premiata con il Premio Fondazione Campiello alla carriera e nel 2019 vince il Premio Chiara con Il dono di Arianna, sempre per i tipi di Guanda.

 
Claudia Donadoni
Claudia Donadoni, diplomata presso l’Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Si laurea in Scienze della Comunicazione e dal 2007 è giornalista pubblicista. Interprete di spettacoli, autrice, ideatrice e/o conduttrice di format televisivi, settimanali di informazione e di redazionali pubblicitari e grandi eventi.

  

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •