Albo d’oro del Premio Chiara Giovani

Laddove l’anno è evidenziato  in blu , cliccandoci sopra si accede alla pagina del nostro sito dedicata alla singola edizione. Per le edizioni antecedenti al 2006 le pagine dedicate sono in via di recupero e ricostruzione: possono pertanto presentare malfunzionamenti e/o omissioni.
 

  •  2021 
    “Libertà”

    vince Veronica Del Vecchio (1996), da Moltrasio (CO)
      • Premio speciale Regio Insubrica a Luca Passi (1997), da Varese

 

  • edizione 2020  2020 
    “Acqua”

    vince Alberto Ferrario (1995), da Gavirate (VA)
      • Premio speciale Regio Insubrica a Nina Altoni (2002), da Airolo – CH

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • edizione 2001 2001
    “Sentimento”
    vince Giovanni Raineri Santi (1976) da Tradate (VA)

 

 

 

 

Prima del 1998

Il Premio Chiara Giovani del 1998 è stato il primo a contemplare la pubblicazione dei racconti finalisti in un volume; il concorso tuttavia esisteva già, con formula, modalità e denominazioni diverse, da sette anni.

Nel 1991 per i ragazzi delle Scuole Medie di Varese, Luino, Lugano, Mendrisio e Locarno venne bandito un concorso di “Arti Visive” ispirato alle “Avventure di Pierino” di Piero Chiara. I concorrenti dovevano, dopo aver letto il libro di Chiara, illustrare un episodio particolarmente significativo. Non fu stilata una graduatoria conclusiva: I 50 racconti giudicati migliori furono esposti a Villa Mirabello in Varese.

Nel 1992 vide la luce il “Premio Chiara per gli studenti”, rivolto ai ragazzi delle ultime tre classi delle Scuole Medie Superiori di Varese e Provincia e del Canton Ticino, che erano invitati a recensire criticamente uno dei tre volumi finalisti del Premio Chiara 1992. La vincitrice fu Silvia Frattini, studentessa al Liceo Scientifico di Luino.

Nel 1993 il Premio Chiara per gli studenti era rivolto ai ragazzi delle ultime tre classi delle Scuole Medie Superiori di Varese e Provincia e del Canton Ticino, che erano invitati a produrre un commento in forma di recensione critico-letteraria o di breve saggio a uno dei romanzi di Piero Chiara a loro scelta. Il vincitore fu Andrea Trombin, studente al Liceo Cantonale di Locarno.

Nel 1994 il Premio Chiara per gli studenti era rivolto ai ragazzi delle Scuole Medie Superiori di Varese e Provincia e del Canton Ticino, che erano invitati a produrre un breve racconto sul tema “Il fantastico nel quotidiano”: come un giorno qualunque possa diventare straordinario. La vincitrice fu Raffaella Rossato, studentessa al Liceo Scientifico di Gallarate.

Nel 1995 il Premio Chiara per gli studenti era rivolto ai ragazzi delle ultime tre classi delle Scuole Medie Superiori di Varese e Provincia e del Canton Ticino, che erano chiamati a sviluppare un racconto partendo dalla traccia “Racconto di mostri o fantasmi”. La Giuria tecnica dichiarò vincitrice Daria Squillante di Locarno.

Il primo anno in cui fu usata la denominazione “Premio Chiara Giovani” è stato il 1996: il concorso era rivolto ai ragazzi delle ultime tre classi delle Scuole Medie Superiori di Varese e Provincia, Milano, Novara, Verbania, Como e Canton Ticino, che erano chiamati a sviluppare un racconto partendo dalla traccia “La vita di provincia” con i suoi personaggi ed i suoi eventi. La vincitrice fu Nadia Giarratana di Gallarate (VA).

Nel 1997 il Premio Chiara Giovani fu organizzato in collaborazione con il giornale “La Prealpina”: era rivolto ai ragazzi nati tra il 1972 al 1980, residenti in Italia e nella Svizzera italiana, che erano chiamati a sviluppare un racconto partendo dalla traccia Ti trovi in una situazione d’emergenza e devi lasciare la tua casa, il tuo mondo. Che cosa scegli di portare con te? La Giuria tecnica premiò Nenad Stojanovic di Sarajevo (residente a Lugano – CH) e la Giuria dei lettori costituita ad hoc da “La Prealpina” premiò Luca Brignoli di Lonate Ceppino (VA).
 


Sei interessato/a a ottenere una copia delle pubblicazioni del Premio Chiara Giovani? Contattaci!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •